Quòquem - informazione tributaria condivisa - Quòquem

Vai ai contenuti

Menu principale:

redazione@quoquem.it
Servizi e strumenti:

il gruppo di studio di Quòquem.it affianca, con i propri Professionisti, lo Studio cliente, offrendo la possibilità di esternalizzare intere fasi di lavoro (analisi della fattispecie, ricerca giurisprudenziale, redazione degli atti...), nonchè di completare/ampliare i servizi resi alla propria clientela.



basi lavoro, format di ricorsi e motivi di difesa, sintesi e interpretazioni giurisprudenziali e di prassi:
-redatti in occasione di fattispecie specifiche e successivamente “generalizzati”;
-corredati con sentenze, ordinanze, risoluzioni e circolari;
- costantemente aggiornati;
-selezionati e integrati dal servizio in funzione delle più rilevanti specificità individuate nella fattispecie descritta dall'utente (e/o nella documentazione inviata).

WORKING DRAFTS IN EVIDENZA
Regimi agevolati e decadenza per partecipazione in SNC: ratio della fattispecie di esclusione dal regime e necessità di valutare la natura del reddito da p.iva.

Argomenti:
regime dei minimi, regime forfettario, reddito d'impresa e reddito da lavoro autonomo, prestazioni non comprese nelle attività ausiliarie ex art 2195 c.c. e organizzazione d'impresa, ritrattabilità della dichiarazione, corretta riqualificazione del reddito da partita iva pur dichiarato come reddito d'impresa, annualità in cui si verificherebbe la decadenza.


Ricostruzione dei ricavi con metodo analitico induttivo: profili di matematica illegittimità della ripartizione del costo del venduto totale determinata applicando l’incidenza “tipologie di ricavo/totale vendite”.

Argomenti:
analitico induttivo; gravità, precisione e concordanza; impianto probatorio; ripartizione del costo del venduto; percentuali di ricarico; media ponderata; media aritmetica.



Riqualificazione Registro: mera cessione di quote quale negozio tipico ed esistenza dell’azienda

Temi:
Imposta di registro e riqualificazione di una cessione totalitaria di quote in cessione d’azienda; retroattività delle modiche normative introdotte all’articolo 20 del D.P.R. 131 del 1986 e prova dell’intento elusivo; oggetto dell’imposta di registro e negozi tipici; principio di diritto su cui si fonda l’esercizio del potere interpretativo in sede di riqualificazione degli atti presentati per la registrazione; Risoluzioni 35/E del 2015 e 97/E-98/E del 2017; onere della prova in merito all’esistenza di un complesso aziendale; elementi costitutivi di un’unitarietà suscettibile di consentire l’inizio dell’esercizio d’impresa.





REPORTING GIURISPRUDENZIALE
Irap professionista: insufficienza dell'entità dei compensi corrisposti a terzi a legittimare l'imposizione.

La doglianza del ricorrente è fondata, atteso che la sentenza impugnata ha dedotto la sussistenza del requisito dell'autonoma organizzazione sulla base di un solo elemento, cioè l'entità dei compensi corrisposti a terzi in ciascuno degli anni oggetto di accertamento, riferiti a prestazioni estranee alle competenze professionali del geometra, ritenendo l'entità dei compensi, sia in termini assoluti (tra i ventimila ed i trentamila Euro annui) sia in rapporto all'entità dei ricavi dell'attività professionale (di poco superiore ai centomila Euro per ciascun anno), rappresentativa di per sé del requisito dell'autonoma organizzazione come presupposto dell'imposizione ai fini IRAP...

Cassazione Civile
Ord. Sez. 6 Num. 21762 Anno 2018
Data pubblicazione: 07/09/2018

Induttivo puro: presupposti per il legittimo utilizzo della media aritmetica semplice nella ricostruzione dei ricavi.

"Incide sulla valutazione della correttezza della scelta adottata dalla Amministrazione la congruità del campione selezionato per la comparazione tra i prezzi di acquisto e di rivendita, dovendo far riferimento tendenzialmente a tutte le merci commercializzate dalla contribuente, risultanti dall'inventario generale o comunque ad un gruppo significativo, per qualità e quantità (cfr. Cass., sent. n. 4312 del 2015; n. 6849 del 2009; n. 6086 del 2009). Questi i principi che presidiano, anche nell'alveo dell'accertamento induttivo puro, ai criteri di scelta tra il calcolo della percentuale dei ricavi secondo il metodo della media aritmetica semplice oppure della media ponderale."

Cassazione Civile Sez. 5
Ord. Num. 18695 Anno 2018
Data pubblicazione: 13/07/2018

Imposta di Registro e rettifica per comparazione: insufficienza di generici riferimenti di similarità.

"In tema di imposta di registro, l'avviso di rettifica e di liquidazione della maggiore imposta, riguardante atti che hanno ad oggetto beni immobili, adottato a seguito di comparazione con beni simili, deve ritenersi adeguatamente motivato, ove contenga la riproduzione del contenuto essenziale dell'atto utilizzato per la comparazione, e cioè delle parti utili a far comprendere il parametro utilizzato per la rettifica, essendo anche in questo modo adempiuto l'obbligo di allegare all'avviso l'atto utilizzato per la comparazione (Sez. 6- 5, n. 21066 del 11/09/2017)."

Cassazione Civile Sez. 6
Ord. Num. 17226 Anno 2018
Data pubblicazione: 02/07/2018

Iva: detrazione e diritto al rimborso dell'eccedenza in assenza di dichiarazione.

"Come pure evidenziato dal P.G. nelle sue conclusioni scritte, le Sezioni Unite, con la ricordata decisione, hanno avuto riguardo ai presupposti sostanziali del diritto al rimborso, negando ogni rilievo ai profili procedurali ed anzi ammettendo espressamente che spetta al Giudice verificare la sussistenza degli estremi per il rimborso stesso. Le Sezioni Unite hanno, infatti, ritenuto che il contribuente possa anche in sede contenziosa dimostrare la sussistenza dei requisiti sostanziali del diritto a detrazione..."

Cassazione Civile
Ord. Sez. 5 Num. 21797 Anno 2018
Data pubblicazione: 07/09/2018

Dirette: inerenza delle penalità per ritardata consegna.

"In tema di imposte dei redditi, sono deducibili dal reddito d'impresa le penalità contrattuali per ritardata consegna alla clientela, stabilite in base all'art. 1382 c.c., in quanto, per la natura di patto accessorio del contratto, inidoneo ad interrompere il nesso sinallagmatico, non hanno finalità sanzionatorie o punitive ma, assolvendo la funzione di rafforzare il vincolo negoziale e predeterminare la misura del risarcimento in caso d'inadempimento, sono inerenti all'attività d'impresa..."

Cassazione Civile Sez. 5
Sent. Num. 18903 Anno 2018
Data pubblicazione: 17/07/2018

Irap: corretta ripartizione dell'onere probatorio.

"ai fini Irap a carico di una società, l'amministrazione finanziaria ha il solo onere di provare l'esistenza di un reddito imponibile e la qualità di debitore del contribuente, mentre è onere di quest'ultimo provare la sussistenza dei presupposti di eventuali esenzioni d'imposta o componenti negativi del reddito, ivi compresi i requisiti della inerenza e dell'imputazione ad attività produttive di ricavi (Cass.n. 16461 del 01/07/2013; Cass. n. 16198 del 27/12/2001; n. 12330 del 08/10/2001)."

Cassazione Civile Sez. 5
Ord. Num. 23720 Anno 2018
Data pubblicazione: 01/10/2018

Analitico induttivo: presupposti per il legittimo utilizzo della media aritmetica semplice nella ricostruzione dei ricavi.

"Ne consegue che non è legittima la presunzione di ricavi, maggiori di quelli denunciati, fondata sul raffronto tra prezzi di acquisto e di rivendita operato su alcuni articoli anziché su un inventario generale delle merci da porre a base dell'accertamento, ne' si rende legittimo il ricorso al sistema della media semplice, anziché a quello della media ponderale, quando tra i vari tipi di merce esiste una notevole differenza di valore ed i tipi più venduti presentano una percentuale di ricarico molto inferiore a quella risultante dal ricarico medio" (Cass. n. 979 del 2003)."

Cassazione Civile Sez. 5
Ord. Num. 23484 Anno 2018
Data pubblicazione: 28/09/2018

Pratica commerciale e fatto notorio: presupposti del legittimo ricorso a fatti acquisiti alle conoscenze della collettività.

"(Cass.n.5232/2008) ovvero (Cass.n 6299 del 19/03/2014) che dispositivo ed al contraddittorio, in quanto introduce nel processo civile prove non fornite dalle parti e relative a fatti dalle stesse non vagliati né controllati, va inteso in senso rigoroso, e cioè come fatto acquisito alle conoscenze della collettività con tale grado di certezza da apparire indubitabile ed incontestabile."

Cassazione Civile Sez. 5
Ord. Num. 25218 Anno 2018
Data pubblicazione: 11/10/2018

 
Quòquem.it
Note legali
Privacy policy
Via A.Diaz n.55, 83050, San Mango Sul Calore (AV)
tel +39 0827 75072
Chi siamo
Contatti
Torna ai contenuti | Torna al menu